giovedì 6 agosto 2009

100 POST E......VACANZE!!!

http://monicc.wordpress.com/2008/07/29/381/
Evvivaaaaaaaaaaaa!!!!!Anche io, proprio un giorno prima delle meritate ferie (me lo dico da sola AHAHAHAHAH) ho raggiunto quota 100!!!Giusto ieri col post sull'impanatura...
E dopo questi festeggiamenti, vi comunico che dopo le numerose finte di vacanza, amici miei, ci siamo finalmente giunti...ebbene sì....oggi è il penultimo giorno, domani l'ultimo (ovviamente, che sciocchina ahahahaha)!! Sabato sarà da delirio a preparare i bagagli e tutte le cose da portar via, domenica idem, e poi lunedì...si PARTEEEEEEEEEEEEEEE verso l'una, direzione porto di Civitavecchia, c'imbarcheremo alla volta della Sicilia dove passerò 20 giorni di totale e assoluto relax, spero di abbronzarmi come un carboncino, e fare tante bellissime foto...Non mancherò di appuntarmi le ricette che mi colpiranno (spero non mi facciano tanto male....colpiranno...male...ultimi deliri, perdonatemi....ingrassandomi soprattutto....), immortalando i momenti belli, quelli indimenticabili, quelli divertenti...ecc..ecc...Non mi resta che darvi appuntamento al mio ritorno, spero di ritrovarvi tutti, e perché no, magari di trovarne di nuovi!!!
Vi auguro col cuore BUONE VACANZE a tutti...mi congedo, con questa piccola poesia:
BAMBINI SULLA SPIAGGIA
I bambini s'incontrano
sulla spiaggia di mondi sconfinati.
Su di loro l'infinito cielo
è silenzioso, l'acqua s'increspa.
Con grida e danze s'incontrano
i bambini
sulla spiaggia di mondi sconfinati.
Fanno castelli di sabbia
e giocano con vuote conchiglie.
Con foglie secche intessono
barchette
e sorridenti le fanno galleggiare
sull'immensa distesa del mare.
- R. Tagore -

mercoledì 5 agosto 2009

IMPANATURA






Per fare una buona impanatura c'è un trucco quando si tratta di impanare le carni: bisogna incidere la carne nei bordi, per evitare che si arricci in cottora e perché aiuta l'impanatura a non cadere. La carne va condita con sale e pepe solo un attimo prima di impanarla. Bisogna friggere subito appena si è finito di fare l'impanatura: ciò serve per evitare che l'impanatura stessa si inumidisca. Ci sono due tipi di impanature: l'impanatura alla milanese e l'impanatura alla viennese.
Per l'impanatura alla milanese bisogna immergere l'alimento prima nell'uovo, lasciandolo anche riposare una decina di minuti se volete, e poi si passa nel pangrattato (che può essere anche misto a formaggio grattugiato). L'impanatura è adatta per la cotoletta, il pollo, il coniglio a pezzi, i tranci di pesce e per le verdure lessate.
Per l'impanatura alla viennese invece occorrono questi passaggi: 1) passare la carne nella farina, poi scuoterla leggermente per eliminare gli eccessi di farina. 2) immergere la carne nell'uovo, fatele sgocciolare 3) passarle infine nel pane gratuggiato. Occorre schiacciare bene con le mani l'impanatura. Come detto, bisogna friggete subito la carne altrimenti l'impanatura s'inumidisce.
Importantissima è la cottura: l'olio per la cottura deve essere sempre molto abbondante perché altrimenti brucia velocemente; al momento dell'immersione, l'olio deve avere la giusta temperatura; per verificarla intingere un bastoncino di legno: la temperatura ideale è raggiunta quando intorno a esso si formano delle bollicine. Questa modalità di controllo deve essere eseguita ogni volta che si procede con una nuova frittura. Una variante per friggere la cotoletta alla viennese, è usare burro a 180 gradi, cucinando un paio di minuti per lato e scuotendo di tanto in tanto la padella.

lunedì 3 agosto 2009

CI RIVEDIAMO A SETTEMBRE


Ci siamo, finalmente agosto è arrivato...L'ho atteso con trepidazione, nell'incertezza di cosa fare o cosa non fare...E invece, nonostante tutto, nonostante il lavoro che dà problemi anche quest'ultima settimana appena iniziata, la partenza è alle porte...
E' arrivato anche il momento di mandare in ferie il blog, passato l'intervallo, è giunto il momento di mandarlo proprio in vacanza...Oggi, è l'ultimo lunedì di lavoro, infatti lunedì prossimo, a quest'ora, starò caricando la macchina e verso l'ora di pranzo...Viaaaaaaaaaaaaaaaa......verso le meritate ferie, 17 giorni di spensieratezza, nella terra che io adoro....la mia Sicilia....
Mi aspettano colori d'inimmaginabile bellezza..profumi che inebriano la mente..sapori che stuzzicano il palato...I paesaggi che incorniciano tramonti mozzafiato...Il giallo della campagna che illumina la passeggiata...La festa del paese il 18 agosto...storia e tradizione si abbracciano in un connubio di misticità..
Ormai, amici miei ci siamo, farò tante, tantissime foto, perché possiate sognare un pochino insieme a me..e perché no, magari invogliarvi per l'anno prossimo, a visitare questa terra magnifica che è la splendida Sicilia..
Vi lascio con queste righe di Pascoli, anch'egli affascinato dall'incanto di questa Terra...
A settembre, amici miei!!
L'isola dei poeti
Di fronte
m'eri Sicilia, o nuvola rosa
sorta dal mare!E nell'azzurro un monte:
L'Etna nevosa.
Salve o Sicilia! Ogni aura che qui muove
pulsa una cetra od empie una zampogna
è canta o passa...Io ero giunto dove
giunge chi sogna...
- Giovanni Pascoli -

Forse ti potrebbe interessare anche:

Related Posts with Thumbnails