venerdì 26 agosto 2011

LA PANZANELLA DI PAPA' CARLO

E' un piatto tipico della mia regione, tra l'altro diffusissimo a Viareggio, per avere ulteriori informazioni, vi rimando qui.
Mio papà d'estate la fa spesso, e devo dire che è un cuoco provetto, anzi uno chef senza eguali, cucina da dio, e parte della mia passione per la cucina, mi è stata tramandata da lui.
Ecco la sua ultima creazione, una panzanella DIVINA!!

ingredienti:
- pane raffermo
- acqua q.b.
- aceto q.b.
- cipolla rossa di tropea
- basilico
- pomodori maturi
- würstel
- sale q.b.
- olio evo q.b.

Mettere il pane raffermo a bagno con acqua ed aceto e lasciarlo fin quando non è completamente imbevuto.
Pulire e tagliare a cubetti la cipolla  e i pomodori, tagliare a cubetti anche i würstel, spezzare con le dita il basilico.
Aggiustare di sale e aggiungere un filo d'olio evo, mescolare per amalgamare i sapori, e servire.
Buon appetito!!
Quando il pane sarà ammolato, strizzarlo fino a spezzettarlo in una ciotola, aggiungere la cipolla, i pomodori, i würstel e il basilico,

domenica 21 agosto 2011

CORDONBLEU APERTO

Il solito petto di tacchino..al limone no, ormai è già visto e rivisto, per quanto mi stuzzichi ogni volta il palato.. Avrei voglia di cordonbleu..ma il fritto è pesante, e non ho tempo di farlo.. Allora ecco che è nato una rivisitazione del cordonbleu, senza frittura e senza panatura: il cordonbleu aperto.
Ecco come si fa:

ingredienti per 2 persone:
- 2 fette di petto di tacchino
- 8 fette di prosciutto cotto (io ho usato una confezione di sofficette)
- 8 fette di galbanino
- 2 cucchiai d'olio evo

Scaldare i due cucchiai d'olio in una padella, adagiarvi le fette di tacchino e lasciarle rosolare da entrambe le parti.
Disporre per ogni fetta, due fette di prosciutto cotto, due fette di galbanino, di nuovo due fette di cotto e terminare con due fette di galbanino.
Portare a cottura facendo sciogliere un po' il formaggio e servire ben caldo.
Buon appetito!!

martedì 16 agosto 2011

PESCA MELBA

Avevo delle bellissime pesche sciroppate che ogni volta che aprivo la credenza, mi guardavano e ridevano.. Qualche giorno fa ho deciso che era giunto il momento di creare un dessert delizioso e contraccambiare i sorrisi ammiccanti che le pesche mi facevano..
Premetto, un dessert un po' commerciale, decisamente veloce del tipo: "o caspita ospiti inattesi che cosa offro?"
Ma alla fine il risultato è stato ottimo, ed ecco come si fa..

ingredienti:
- pesche sciroppate
- gelato alla crema
- panna montata
Mteere due palline di gelato alla crema nelle ciotoline, adagiare una pesca sopra il gelato.
Montare la panna aggiungendo un cucchiaino da caffè di zucchero ogni 200 ml di panna, e distribuirla sulla pesca.
Servire freddo, e per i più golosi, potete guarnire con un po' di granella di nocciole, oppure accompagnare con un cantuccino alle mandorle..
Buon appetito!!

giovedì 11 agosto 2011

SCAMPI E TOTANI ALLA DIAVOLA

Ormai si perde quasi nella notte dei tempi questo piatto.. Era circa metà luglio, e avevo in mente di fare una cena a base di pesce..
Il primo classici spaghetti allo scoglio.. Poi avevo trovato degli scampi meravigliosi, e delle seppie stupende.. come li faccio come non li faccio, allora mi è venuta in aiuto la mia cara amica Laura.. "- Falli alla diavola, sono eccezionali!!"..
E come darle torto? Sono venuti divini!!
Ecco come si fanno:

ingredienti per 4 persone:
- 8 scampi freschi
- 4 totani freschi
-qualche foglia di alloro
- 4 cucchiai d'olio evo
- 4 spicchi d'aglio
- vino bianco  q.b.
- peperoncino q.b.

Innanzitutto si lavano gli scampi, se volete potete sgusciarli mantenendo la testa e togliendo il filo nero, altrimenti li lavate bene e li lasciate interi.
Si puliscono i totani togliendo le interiora e sfilando l'ossicino, si toglie il dente e gli occhi (attenzione che se si bucano con le forbici schizzano nero ovunque..parola d'esperienza, ho dato un tocco di colore alla cucina..ahahahah).
In una padella si scaldano 4 cucchiai d'olio e si fa rosolare le foglie d'alloro e l'aglio, poi si aggiungono sia gli scampi che i totani lasciati interi e si saltano qualche minuto in padella, si sfuma col vino bianco e si aggiunge il peperoncino..che dovrebbe essere cospicuo..sennò che diavola è?
Si salta due, tre minuti e s'impiatta, si serve caldo con qualche crostino tostato e strusciato con l'aglio, per i più virtuosi, e si guarnisce il tutto con il sugo di cottura, per un godurioso "puccino", per dirla alla Renato Salvadori..
Buon appetito!!

GRAZIE LAURA!! SEI MITICA!!!

martedì 2 agosto 2011

VITELLO TONNATO

foto di Debora
Ormai qualche settimana fa, mi volli dedicare ad un piatto che io reputo decisamente estivo e che piace tantissimo a mio marito: il vitello tonnato.
Mia suocera è una cuoca fantastica, e il vitello tonnato le riesce da dio, come un sacco di altri piatti..
Mi son voluta cimentare in questo piatto senza chiederle consiglio, volevo vedere se ero stata un'acuta osservatrice nei passaggi che lei faceva per prepararlo, e solo al termine mi son consultata con lei, anche perché io ho fatto alcune modifiche alla sua preparazione base, e devo dire che pur essendo la prima volta, mi è venuto davvero divino!!
Ecco come si fa!!

ingredienti:

- 800 g di girello di vitello
- olio evo q.b.
- 2 bicchieri di vino bianco
- 2 spicchi d'aglio
- 1 carota tagliata a tocchetti
- due cucchiaini da caffè di chiodi di garofano in polvere
- 1 cipolla bianca tagliata a tocchetti
- pepe q.b.
- 2 rametti di rosmarino
- 1 gambo di sedano tagliato a tocchetti
- un vasetto di maionese
- acciughe sott'olio q.b.
- capperi q.b.
- 350 g di tonno sott'olio
- acqua q.b.

In una pentola capiente, adagiare il girello di vitello, aggiungere l'olio, il vino bianco, gli spicchi d'aglio, la carota, i chiodi di garofano, la cipolla bianca, il pepe, il rosmarino, il sedano e l'acqua, mettere a fuoco bassissimo e non appena spicca il bollore, far cuocere per 2 ore.
Non appena sarà trascorso il tempo, spengere la fiamma e far freddare il vitello nell'acqua di cottura.
Nel frattempo preparare la salsa tonnata: con l'aiuto di un mixer, frullate la maionese a cui avrete aggiuntole acciughe sott'olio, i capperi e il tonno, e frullate fin quando il composto sarà omogeneo.
Appena il vitello sarà raffreddato, tagliatelo a fettine sottilissime, disponetele in un vassoio e ricoprite con la salsa tonnata, se vengono più strati, ogni strato deve essere ricoperto dalla salsa.
Infine, a piacere, potete decorare con qualche cappero e qualche fogliolina di prezzemolo.
Lasciate insaporire almeno un giorno prima di servire.
BUON APPETITO!!

Forse ti potrebbe interessare anche:

Related Posts with Thumbnails