lunedì 27 febbraio 2012

THE FIRST ONE: I MIEI PRIMI RAVIOLI RIPIENI

foto di Debora
Venerdì finalmente ho esaudito il mio desiderio recondito di fare la pasta ripiena fatta in casa..
Qualche anno fa ereditai la macchina per fare la pasta in casa da mia zia, e mi ripromisi che avrei dovuto assolutamente fare la pasta in casa.. Poi mille impegni e ho sempre procrastinato, fino a venerdì, giorno in cui mi sono rimboccata le maniche e ho dato sfogo alla mia fantasia..
Cosa ho fatto? Una ricetta dai sapori del sud, dai sapori un po' siciliani.. dei ravioli ripieni coi pomodori secchi!!
Ecco come ho fatto!

Ingredienti per 10 persone

per la pasta:

- 800 g di farina 00
- 8 uova grandi

per il ripieno:

- 600 g di patate
- 100 g di parmigiano grattato
- 250 g di ricotta di mucca
- 150 g di pomodori secchi

per il sugo:

- 750 ml di passata di poodoro o un parattolo di pelati a cubetti
- 1 cipolla
- olio evo q.b.
- basilico q.b.
- sale q.b.


Disporre la farina a fontana e mettere al cenro le uova sbattute leggermente, incorporare i due ingredienti e impastare per 20/25 minuti, se l'imposto fosse troppo duro e non omogeneo, aggiungere un cucchiaio da minestra di acqua tiepida.
Quando l'impasto è bello liscio ed omogeneo, avvolgerlo nella pellicola e metterlo a riposare per un ora in frigorifero.
Bollire le patate, sbucciarle ancora calde e schiacciarle, unire il parmigiano e la ricotta e i pomodori secchi tagliati a cubetti. Mescolare il composto amalgamando bene i sapori.
Stendere la pasta su una spianatoia infarinata col mattarello, poi passarla nella macchinatta per la pasta fresca ottenendo una sfoglia sottile, io ho usato la manopolina al 5 di quella vecchio stampo a manovella.
Disporre un po' di impasto sulla sfoglia, ricoprire con un altro velo di sfoglia e schiacciare lateralmente con le mani per far aderire i due veli.
Con l'aiuto di un coppino, ricavate i ravioli, con le mani schiacciate bene i pordi affinché aderiscano perfettamente.
Preparate il sugo facendo imbiondire la cipolla tritata finemente in olio evo, aggiungere la passata di pomodoro o i pelati a cubetti e abbondante basilico tagliato con le mani, aggiustare di sale e cuocere per 30/40 minuti a fuoco basso.
Cuocere in acqua salata i ravioli, appena vengono a galla, prendere il tempo di 3/4 minuti, scolarli uno per uno e condirli col sugo.
A piacere, se lo gradite, potete spolverizzare con un po' di parmigiano grattugiato o meglio ancora un po' di ricotta dura salata.
Buon appetito!!

sabato 25 febbraio 2012

mercoledì 22 febbraio 2012

BRANZINO CON LA SALSA ETRUSCA

foto di Debora
In realtà questa ricetta la trovate anche in un post di qualche giorno fa, nel menù di San Valentino, ma proprio oggi sono venuta a conoscenza che Debora ha indetto un contest molto carino, scade il 26  febbraio, e visto che sono ancora in tempo, ho deciso di partecipare proponendo questa ricetta..
Il contest in questione si chiama "Remise en Forme", ed è dedicato a ricette per rimettersi in forma dopo i bagordi festaioli, partiti a Natale e ripresi a Carnevale.. Le ricette chiaramente devono essere light, e verranno giudicate in base alla leggerezza, l’appetibilità e la presentazione fotografica.
Chi fosse interessato a partecipare, può farlo qui..
Ecco come si prepara questo delizioso secondo di pesce:

ingredienti per 4 persone:

- 4 filetti di branzino freschissimo
- 400 g di radicchio rosso
- peperoncino
- 2 spicchi d'aglio
- 4 cucchiai di olio evo
- sale e  pepe q.b.
- glassa di aceto balsamico q.b.
 
Sfogliare e lavare il radicchio, poi asciugarlo e tagliarlo a listarelle.
Scaldare in una padella l'olio con il peperoncino e l'aglio, aggiungere il radicchio e saltarlo a fuoco vivace per due minuti.
Stendere uniformemente il radicchio su una placca da forno rivestita di carta forno, adagiarvi i filetti di branzino lavati ed asciugati, poi salati e pepati, ed infornare il tutto a forno già caldo a 200° per 10 minuti.
Preparare la salsa emulsionando l'olio col sale, il pepe e la glassa di aceto balsamico.
Impiattare il branzino con a fianco il radicchio e la salsina emulsionata a parte.
Buon Appetito!!
 
Con questa ricetta partecipo al contest REMISE EN FORME di "Il Diario della mia Cucina" di Debora
 

SPAGHETTI ALLA MODA DI TROPEA...SECONDO ME!!

foto di Debora
Da piccola non sopportavo la cipolla, in nessuna salsa e di nessun tipo.
Un giorno poi la mamma portò a casa la cipolla di Tropea, e sebbene sia sempre stata titubante, mi convinsi ad assaggiarla: fu subito amore!!
Non lasciava in bocca il sapore insistente e, diciamolo, appestante delle altre cipolle, e aveva un sapore che si sposava con altri mille sapori..
Qualche tempo fa, lo Chef Borghese ha proposto una spaghettata che ha intitolato alla moda di Tropea, ridente località della costa Calabra, e come tutti sappiamo, la Calabria, magica terra del sud conserva sapori che deliziano i palati sopraffini, tra cui i rinomati peperoncini.. Alessandro presentò questa spaghettata con i pipi cruschi, che sono una particolare qualità di peperoncino che viene essiccato durante l'estate e che rimane dolce e non picca come le altre qualità.
Non riuscendo a reperire i pipi cruschi, ma avendo degli ottimi e gustosissimi pomodori secchi siciliani, ho sostituito i pipi con i pomodori, e devo dire che mai connubio poteva risultare favoloso!!
Ecco come li ho preparati:

ingredienti per 4 persone:

- 4 cipolle di Tropea grandi o un mazzetto di quelle piccole
- 50 g di burro
- 1 bicchierino da liquore di Vin Santo - io ho usato un ottimo Moscadello di Montalcino, l'importante è che sia un vino liquoroso
- 320 g di spaghetti
- 16 pomodori secchi
- olio evo q.b.
- parmigiano grattato q.b.

Cuocete gli spaghetti in acqua salata e scolateli un po' al dente, terminerete la cottura in padella col sugo.
Pulite e affettate sottilmente le cipolle e fatele appassire in padella col burro, quando saranno passite, sfumate col vin santo e lasciate evaporare.
Tagliate a cubetti 8 pomodori secchi e uniteli alle cipolle, in una piccola padellina, scaldate un goccio d'olio evo e fate rinvenire i restanti pomodori secchi che userete come decorazione.
Scolate gli spaghetti e uniteli al sugo, terminate la cottura nel sugo preparato, allungando, se ce ne fosse bisogno, con un po' d'acqua di cottura della pasta.
Impiattate decorando ogni piatto con due pomodori secchi, e spolverate col parmigiano.
Una vera libidine, credetemi!!
Buon appetito!!

lunedì 20 febbraio 2012

TARTUFI DI PANETTONE

foto di Debora
Sotto le feste di Natale, come al solito ero incollata a Real Time, e mi stavo gustando le ricette preparate da uno dei miei Chef preferiti, Alessandro Borghese.. Ha preparato dei tartufini con il panettone avanzato, e a me, si è aperto tutto un mondo...
Oggi ho voluto prepararli anche io, perché mi era avnzato un po' di panettone, chiaramente non da Natale, altrimenti ci potevo risuolare le scarpe, ma ho modificato la ricetta originaria e questo è il risultato...
 Non vi do delle quantità precise, io onestamente questa volta ho fatto ad occhio, ma il risultato è stato stupefacente!!

ingredienti:

- panettone avanzato
- biscotti gran cereale
- latte
- liquore al caffè
- cioccolato fondente
- panna liquida

Spezzettare il panettone e bagnarlo con il latte e un po' di liquore al caffè.
Quando è diventato bello molliccio, sbriciolare  i gran cereale e aggiungerli al composto, che deve risultare semi solido.
Formare le palline col composto, e metterle a freddare in frigorifero mentre sciogliete a bagno maria il cioccolato fondente.
Quando il cioccolato si sarà fuso, aggiungete un po' di panna liquida e un po' di liquore al caffè, mescolate ed amalgamate bene la crema di cioccolato.
Tirate fuori i tartufini e glassateli con la ganache, e riponeteli ancora un po' in frigorifero a riposare.
Buon appetito!

mercoledì 15 febbraio 2012

UNA CENA SPECIALE...

foto di Debora

San Valentino..
Sono fortunata, io, posso dire che da molti anni ormai io festeggio la festa degli innamorati tutti i giorni, grazie a mio marito che è una persona davvero molto speciale, che mi riempie di attenzioni e mi fa sentire una vera regina, anzi, un'imperatrice!!
Ieri abbiamo "festeggiato", ma non da soli, si sono uniti a noi due persone, due cari amici che fanno parte della nostra vita, e che hanno contribuito, in maniera sostanziale a rendere il giorno più bello della nostra vita, il nostro matrimonio, davvero unico e speciale.
Quest'anno abbiamo preferito stare davvero in intimità, e quale miglior posto di una cena preparata con amore fra le 4 mura domestiche?
Ecco la mia proposta menù, per una sera che è solo una delle tante speciali che incrociano la nostra vita..
Partiamo dagli antipasti.. Ne ho proposti 3: dei muffin alla feta e salmone, delle polpettine di salmone e cipollotto e infine delle mazzancolle vestite di lardo di colonnata con una crema di fagioli cannellini..
foto di Debora
Partiamo col primo antipasto

MAZZANCOLLE VESTITE DI LARDO DI COLONNATA IGP CON CREMA DI FAGIOLI CANNELLINI

ingredienti per 4 persone:
- 12 code di mazzancolle di media dimensione
- 12 fette di lardo di colonnata igp tagliate finemente
- 1 barattolo di fagioli cannellini
- sale q.b.
- pepe q.b.
- 1 cucchiaio di olio evo
- qualche foglia di timo per decorare

Per prima cosa bisogna sgusciare le mazzancolle e privarle del filo intestinale, poi vanno sciacquate ed asciugate.
Si avvolge ogni coda di mazzancolla con una fetta di lardo di colonnata igp tagliato molto finemente, si sistemano su una placca da forno rivestita di carta forno e le si passa in forno già caldo a 200° per 8 minuti.
Nel frattempo si scolano i fagioli cannellini e si mettono in un frullatore, si aggiusta con sale e pepe e si aggiunge un cucchiaio di olio evo, poi si frulla il tutto fino a ridurre il composto in una crema.
Si dispone un cucchiaio circa di crema in piccole coppette di vetro o a vostro piacimento e si decora con una fogliolina di timo.
A questo punto si sfornano le mazzancolle e si dispongono di fianco alla crema.
Va servito caldo per gustare il contrasto con la crema che crea un connubio di sapori veramente eccezionale.

foto di Debora

eccoci al secondo antipasto

POLPETTINE DI SALMONE PATATE ED ERBA CIPOLLINA

ingredienti per 4 persone
- 4 patate grosse
- 2 cipollotti
- 2 cucchiai di erba cipollina
- 2 cucchiai di pan grattato
- pan grattato per impanare
- 4 hg di salmone fresco
- 2 uova

Prima di tutto si lessano le patate e si cuoce in acqua bollente per 10 minuti il salmone.
Si pelano e si schiacciano le patate, si pulisce il salmone dalla pelle e dalle eventuali lische, poi lo si schiaccia e lo si unisce alle patate.
Si puliscono e si tritato i cipollotti, e si sggiungono nella ciotola con le patate e il salmone, si aggiusta di sale e pepe, poi si aggiungono i due cucchiai di erba cipollina, le due uova e infine i due cucchiai di pan grattato.
Si amalgama bene tutto fino ad ottenere un composto omogeneo.
A questo punto si formano le polpettine, delle dimensioni che più vi aggradano e si passano nel pan grattato.
A questo punto si possono cuocere in due maniere, o si friggono in abbondante olio caldo fino a che non sono dorate, oppure si infornano a 180° a forno già caldo, 10 minuti per lato.
Si servono calde.

foto di Debora

infine il terzo antipasto

MUFFIN GRECI DI SALMONE

per 12 muffin:

- 90 g di burro
- 300 g di farina
- 200 g di feta
- 200 ml di latte
- 1 bustina di lievito per pizza
- 100 ml di panna da cucina
- 1 porro
- 200 g di salmone affumicato
- 2 uova
- 170 g di yogurt greco

Per prima cosa si affetta sottilmente il porro, si taglia a tocchetti il salmone affumicato e si fonde il burro, lasciandolo  poi freddare.
Si prepara la ciotola con gli ingredienti umidi con le uova, il latte, la panna e lo yogurt greco, amalgamando il tutto con una frusta.
Poi si prepara la ciotola con gli ingredienti secchi, setacciando la farina con il lievito a cui dapprima si aggiunge il porro, e si amalgama bene il tutto, poi la feta e si amalgama per far infarinare bene e infine si aggiunge il salmone, mescolando tutto per infarinare bene tutti gli ingredienti.
A questo punto si unisce la ciotala della farina nella ciotola con l'impasto umido e si amalgama bena, si aggiunge il burro e si mescola il tutto.
Si dispone un cucchiaio di impasto nello stampino per muffin, e si inforna il tutto a forno già caldo a 180° per 50 minuti.
Li potete servire sia caldi che freddi.

Ed ora passiamo al primo

foto di Debora
RISOTTO DELI INNAMORATI
 ingredienti per 4 persone:
per il riso:
- 600 ml di brodo di pesce 
- olio evo q.b.
- 20 g di burro
- 1 cipolla
- peperoncino q.b.
- 320 g di riso
- sale q.b.
- 1 bicchiere di vino bianco
per il sugo:
- 20 g di burro
- olio evo q.b.
- 1 cipolla
- 40 ml di cognac o brandy
- 400 g di gamberetti piccoli
- 200 ml di panna da cucina
- 4 cucchiai di salsa di pomodoro
- sale e pepe q.b.

Per prima cosa si prepara il sugo di condimento:
Si mette a scaldare l'olio col burro e si fa dorare la cipolla tritata finemente, poi si aggiungono i gamberetti e si salta il tutto per due minuti, poi si aggiunge il cognac o il brandy e si lascai evaporare.
Si aggiungono i cucchiai di pomodoro e la panna, si mescola e si lascia insaporire per 1 minuto, poi si spenge e si lascai da parte il sugo.
Passiamo alla preparazione del risotto:
Si scalda in padella l'olio col burro, poi si aggiunge la cipolla e si fa dorare. Si aggiunge il riso e lo si fa tostare per qualche minuto, poi si aggiunge il vino bianco e si lascia sfumare. Si aggiunge a poco a poco il brodo di pesce e si porta a cottura. Quando il riso è quasi pronto, si aggiunge il sugo preparato in precedenza e si lascia insaporire per qualche minuto, infine si aggiunge il peperoncino e si impiatta, decorando a piacere con qualche foglia di timo.

In ultimo, il secondo
foto di Debora
BRANZINO CON RADICCHIO ROSSO E SALSA BALSAMICA ETRUSCA
per 4 persone:
- 4 filetti di branzino freschissimo
- 400 g di radicchio rosso
- peperoncino
- 2 spicchi d'aglio
- 4 cucchiai di olio evo
- sale e  pepe q.b.
- glassa di aceto balsamico q.b.
Sfogliare e lavare il radicchio, poi asciugarlo e tagliarlo a listarelle.
Scaldare in una padella l'olio con il peperoncino e l'aglio, aggiungere il radicchio e saltarlo a fuoco vivace per due minuti.
Stendee uniformemente il radicchio su una placca da forno rivestita di carta forno, adagiarvi i filetti di branzino lavati ed asciugati, poi salati e pepati, poi infornare il tutto a forno già caldo a 200° per 10 minuti.
Preparare la salsa emulsionando l'olio col sale, il pepe e la glassa di aceto balsamico.
Impiattare condendo il pesce e il radicchio con la salsina preparata.

Buon appettito e.. AUGURI!!



venerdì 10 febbraio 2012

I PASTICCIOTTI: FRA PUGLIA E SICILIA

foto di Debora
Lo ammetto.. sono una fan di Real Time, il canale del digitale terrestre. L'altro giorno mentre guardavo il programma "In cucina con Buddy": Buddy vive in America, ed è figlio di emigranti italiani di origini Siciliane, per la precisione di quell'isola meravigliosa che è Lipari, in questo programma cucina piatti tipici della tradizione italiana che gli ha insegnato suo padre, e proprio l'altro giorno ci ha fatto vedere come si preparano "i pasticciotti".
I pasticciotti ho scoperto essere un dolcetto tipico della cucina salentina, è un dolcetto a base di pasta frolla ripieno di crema pasticcera e cotto al forno.
Io ho voluto fare una modifica alla ricetta tradizionale, invece di riempirli con la crema, ho fatto il ripieno dei miei cannoli alla siciliana, con la ricotta, e visto che non amo i canditi, li ho sostituiti con le gocce di cioccolato..
Ecco come li ho fatti:
Ingredienti per circa 9 pasticciotti (dipende dalo stampino che usate)

Per la frolla

- 200 g di farina 00
- 150 g di burro
- 100 g di farina
- 3 tuorli d'uovo

Per la farcia

- 500 g di ricotta di mucca
-150 g di zucchero
- gocce di cioccolato a piacere

Ammorbidire il burro senza scioglierlo completamente, unire lo zucchero, la farina e i tre tuorli d'uovo e amalgamare velocemente, impastare il composto fino ad ottenere una pallina che va messa a riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
foto di Debora
Mentre la pasta riposa, preparate la farcia setacciando 500 g di ricotta in una terrina, aggiungendo poi lo zucchero, mescolate fino ad incorporare bene gli ingredienti, infine aggiungete le gocce di ciocolata e mescolate per amalgamare bene.
foto di Debora
Passati i 30 minuti, togliete la pasta dal frigo, infarinate una spianatoia e con l'aiuto del mattarello, stendete la pasta fino ad ottenere una sfoglia spessa circa mezzo centimetro, e con l'aiuto degli stampini ritagliate la pasta necessaria per rivestirli, avendoli prima debitamente imburrati e passati con un po' di pan grattato, poi ricavate anche i coperchietti sempre con l'aiuto degli stampini
foto di Debora
(è sfuocata, lo so, me ne sono accorta troppo tardi)

Riempite gli stampini con uno o due cucchiaiate di farcia alla ricotta.

 foto di Debora

A questo punto ricoprite col coperchietto di frolla precedentemente ricavato e infornate a 180° per 45 minuti.

foto di Debora

Buon appetito!


Forse ti potrebbe interessare anche:

Related Posts with Thumbnails